Skip Navigation LinksHome Dettaglio Editoriale








Statistiche

Accessi: 5076607
Oggi: 95
Utenti online: 38

MAB

Museo all’aperto di Cosenza

Quello che non potete assolutamente perdere in una visita alla città
Una delle attrazioni più caratteristiche della città di Cosenza è il Museo all’aperto, detto anche MAB, allestito nel salotto buono del centro, divenuto negli ultimi anni isola pedonale. Il museo è costituito dalle opere d’arte moderna che il milionario Carlo Bilotti, un emigrante cosentino che ha fatto grande fortuna negli USA, ha voluto donare all’amministrazione comunale perché le mettesse a disposizione gratuita dei suoi concittadini e dei visitatori.

Grazie all’istituzione dell’isola pedonale di Corso Giuseppe Mazzini, la via principale di Cosenza, la passeggiata cittadina si è arricchita di capolavori della scultura moderna e contemporanea che, sebbene accolti con qualche freddezza in un primo momento, sono ormai entrati a far parte del contesto cosentino. Visitatori e cittadini, insomma, da Piazza Bilotti (già Piazza Fera) a Piazza dei Bruzi (sede del palazzo municipale), hanno tanto da ammirare oltre alle vetrine dei negozi!

Le opere esposte al MAB (Museo all’Aperto Bilotti) sono le versioni originali dei lavori di sette artisti di fama mondiale: Pietro Consagra, Mimmo Rotella, Salvador Dalì, Giorgio De Chirico, Giacomo Manzù, Emilio Greco e Sasha Sosno a cui vanno aggiunti Robert Indiana, Arnaldo Pomodoro e Joan Mirò di prossima esposizione. Come nei migliori allestimenti, infatti, anche il MAB di Cosenza viene spesso ridisposto ed arricchito con nuovi arrivi. Diamo allora uno sguardo alle opere che troverete.

Riconoscibili sono anzitutto i manichini di De Chirico, del quale potrete ammirare “Ettore ed Andromaca” e “I due archeologi”: in entrambi i lavori le figure sono fortemente stilizzate e senza volto, così da sottolineare la plasticità dei movimenti. In “Ettore ed Andromaca” regna il senso di addio e la disperazione di una morte annunciata a cui fa da contraltare la fierezza dell’eroe. Ne “I due archeologi”, invece, viene rappresentato l’amore per l’antichità che questo lavoro implica, con i simboli del passato che paiono uscire dal cuore delle due figure.

Di Sasha Sosno (pseudonimo di Alexandre Joseph Sosnowsky) sono invece esposti “I Bronzi di Riace” e “Le tre colonne”, due opere che rappresentano un chiaro omaggio alla cultura classica della Magna Grecia. I “Bronzi” sono presentati ‘in negativo’, con la sagoma ritagliata in due lastre proprio di bronzo e permettono all’osservatore di guardare la città all’interno di essi con un effetto tra i più suggestivi delle opere del museo all’aperto. Le “Colonne” sono invece poste in un’aiuola e ritagliate nel marmo.

Giacomo Manzù è presente con due opere, “Il Cardinale” e “Medusa”: la prima è un chiaro richiamo alla fascinazione che gli alti prelati suscitavano nell’artista, che rappresenta il cardinale seduto su un trono con un evidente sviluppo verticale della figura; “Medusa” è invece meno sobria, con la sua maschera terrificante scolpita nei minimi dettagli.
Un altro pezzo pregiato del MAB di Cosenza è il “San Giorgio ed il Drago” di Salvador Dalì, una scultura che amalgama mirabilmente i tre soggetti (il Santo, il suo cavallo ed il Dragone) in un movimento plastico che rimanda alla tradizione cristiana della vita di San Giorgio: anche il Santo è raffigurato senza volto, quasi una citazione dechirichiana.

Non poteva mancare un artista calabrese in questa esposizione urbana gratuita ed unica nel suo genere: Mimmo Rotella, padre del décollage ed autore di quelli che i profani chiamano impropriamente ‘manifesti squarciati’, è presente con l’opera più calabrese del Museo cosentino, il “Lupo della Sila”. L’animale simbolo della città è raffigurato dal Maestro con un particolare gioco di linee sinuose che danno vita quasi ad un insieme di silhouette affiancate, scolpite sapientemente nel marmo verde.

Concludono, per il momento, la panoramica degli autori esposti al MAB due siciliani, Emilio Greco, con la sua plastica e sinuosa scultura della “Grande Bagnante 2”, e Pietro Consagra, del quale sono presenti ben 5 lavori in Piazza Bilotti che ben esemplificano il suo gusto per l’astrattismo e la ritmica delle figure.

Ogni pezzo del Museo all’Aperto Bilotti è corredato da un supporto in plexiglas con una targa esplicativa contenente notizie sull’opera in questione e da un dispositivo elettronico che permette di ascoltare una descrizione della singola scultura e dell’allestimento. Per via della sua particolare natura, è possibile visitare il MAB sempre, per tutto il tempo che si vuole ed a titolo completamente gratuito!

Altri Articoli
Presepe vivente 2016 "Un Uomo,Una Stella"
Trekking in Calabria
Carnevale in Calabria
Natale in Calabria
Dolci di Natale in Calabria
Gioacchino Murat in Calabria
Bernardino Telesio: padre della filosofia moderna
Chiese di Calabria
Magna Grecia in Calabria
Il Peperoncino calabrese
Festival del Peperoncino di Diamante 2009
Mare in Calabria
Organizzare una vacanza in Calabria: facile con MobItaly
Magna Grecia Film Festival 2009 – Festa del Cinema in Calabria
Il Treno Natura: un trenino a vapore nel Parco Nazionale della Sila
Calabria: noi ci mettiamo il cuore…e qualcosa in più
San Francesco di Paola
Costa Ionica Calabrese: mare cristallino, spiagge e Storia
Spiagge tirreniche e turismo balneare in Calabria
Diari di viaggio in Calabria e viaggiatori stranieri del passato
Parchi Naturali Calabresi ed Oasi Naturalistiche in Calabria
Dolci Pasquali in Calabria
Tradizioni Pasquali in Calabria
Prodotti tipici calabresi
Costumi tradizionali arbereshe
Musica popolare in Calabria
Location cinematografiche calabresi e cineturismo in Calabria
Vini in Calabria
Località sciistiche calabresi
Rafting in Calabria nelle Gole del Raganello
I castelli della Calabria
Tradizioni Arbëreshe
I Bronzi di Riace
La riviera dei cedri
I Giganti della Sila
La Cipolla Rossa di Tropea
Paleariza festival
MobItaly: Turismo in Calabria
TD Group Italia S.r.l.
Citypost SpA Soluzioni per il mondo postale
Hotel La Principessa
Hotel Barbieri
Club Residence Capopiccolo
Hotel Eurolido